cinzia pellegrino sommacampagna

Vogliamo anche noi contestare il bando della Fondazione Alleanza Nazionale, che prevede la messa a reddito di alcuni assets del patrimonio immobiliare, tra i quali alcune storiche sezioni di partito in cui si sono formate almeno tre generazioni di giovani militanti politici, dal Movimento Sociale ad Alleanza Nazionale.
La sezione di via Sommacampagna è stata fino ad oggi, per quarant’anni, la sede di un laboratorio che ha prodotto molteplici iniziative politiche e culturali, una su tutte, Radio Alternativa, grazie alle quali la destra è uscita dal ghetto in cui l’aveva relegata l’antifascismo militante.
Tra quelle mura si è formata la classe dirigente di Alleanza Nazionale e molti tra ministri e sottosegretari della Repubblica, ma il rispetto che si deve esigere per la sede di via Sommacampagna scaturisce anche dal ricordo dei tanti fatti drammatici di cui essa è stata scenario.
Il Cda della Fondazione non avrebbe dovuto limitarsi a meri calcoli finanziari, ma porsi l’obiettivo di preservare il proprio patrimonio politico, come tra l’altro prevede il suo atto di fondazione.

Lascia un commento