omicidio_acilia

Un nuovo dramma nel quartiere di Acilia, una donna è stata uccisa dal marito, guardia giurata, all’imbocco del viadotto Zelia Nuttal, il cavalcavia di collegamento tra Dragona e Acilia sud, dopo l’ennesima lite nel corso della loro separazione. La coppia, con due figlie, nell’ultimo anno si era reciprocamente denunciata per questioni inerenti alla separazione. Maltrattamenti e non ottemperanza agli ordini del giudice, erano le contestazioni formulate negli esposti.

Ho più volte denunciato gli episodi di violenza nei quartieri del Municipio X (ex XIII) di Roma. La notizia dell’omicidio ad Acilia conferma l’urgenza di politiche sociali più vicine alle necessità del cittadino. Continuo a sostenere  che nel territorio di Casal Bernocchi debba essere riaperto il Centro Antiviolenza, che assista le donne e le vittime di qualsiasi tipo di maltrattamento.

Questo è solo l’ultimo episodio di tanti altri che abbiamo appreso dalla cronaca nera, vogliamo che le donne non siano solo protette e sicure nel loro quartiere e nella loro famiglia ma soprattutto che siano ascoltate e che sappiano di potersi fidare di professionisti e volontari al loro servizio, in un’ottica di prevenzione e tutela sociale.

Lascia un commento